Caro libri alla scuola media? A Quattro Castella li paga il Comune

Caro libri anche alla scuola media? Niente paura, a Quattro Castella ci pensa il Comune. E’ un progetto unico in Regione, tra i pochi in Italia, quello che diventerà realtà a Quattro Castella fin dall’avvio dell’anno scolastico 2017-2018.

Grazie ad un impegno di 30.000 euro circa stanziati dal Consiglio comunale nell’ultima seduta, infatti, la Giunta comunale ha messo a punto un importante provvedimento per mettere a disposizione di tutti i ragazzi che frequentano la scuola media (450 circa) un “buono libri” aggiuntivo rispetto a quello ministeriale che potrà arrivare, in alcuni casi, fino alla copertura totale di una spesa che, stando alle soglie ministeriali, si aggira sui 540 euro a triennio.

Il provvedimento toccherà tutte le famiglie, premierà gli studenti che svolgono volontariato e coprirà il 100% del costo libri per le famiglie in difficoltà economica. Nel dettaglio, il 25% delle spese sarà appannaggio di tutte le famiglie che ne faranno richiesta e verrà erogato entro dicembre a fronte della presentazione di una semplicissima domanda. Un ulteriore 25% verrà attribuito ai ragazzi e alle ragazze che si impegneranno a svolgere periodi di volontariato nei mesi estivi a servizio delle realtà e associazioni locali. Per le famiglie meno abbienti (soglia Isee inferiore a 10.000 euro circa), al bonus comunale si aggiungerà il sussidio ministeriale arrivando così alla copertura integrale dei costi.  Dal punto di vista operativo nei prossimi giorni verrà inviato a tutte le famiglie un vademecum con le istruzioni per richiedere il finanziamento che verrà poi presentato ufficialmente durante un’assemblea pubblica in programma a fine agosto.

“Lo abbiamo sempre detto e sostenuto con i fatti – dicono il sindaco Andrea Tagliavini e il vicesindaco Tommaso Bertolini – Il domani dei nostri giovani è una priorità di questa Amministrazione. Questo provvedimento nasce per ampliare il diritto allo studio a Quattro Castella. Vogliamo essere un comune ‘famiglia friendly’, in questo senso andiamo incontro alle esigenze delle famiglie che si trovano a fare i conti con un caro libri spesso eccessivo. Essendo previsto dalla Costituzione, il diritto allo studio nella scuola dell’obbligo va garantito e agevolato anche con l’impegno in prima persona degli enti pubblici. E’ un provvedimento coerente con i valori che hanno sempre guidato le scelte dei nostri bilanci e con le priorità politiche con cui ci siamo impegnati nei confronti dei cittadini”.

Il buono libro non riguarderà solo gli alunni della scuola media Balletti di Quattro Castella, ma anche gli studenti residenti nel comune di Quattro Castella che frequentano scuole medie fuori dai confini comunali.

Annunci