Sicurezza stradale e controllo del territorio: 400 multe in 9 mesi

Circa 400 contravvenzioni “gravi” e tante situazioni pericolose scoperte.
È un bilancio di grandi numeri quello dei primi nove mesi di verifiche sulle strade compiute dagli agenti della polizia municipale Unione colline matildiche, attiva nei tre comuni di Vezzano, Albinea e Quattro Castella.
Dal 1 gennaio al 30 settembre la municipale ha ritirato 7 patenti per guida in stato di ebbrezza, comminato sanzioni per 154 violazioni al limite di velocità, 62 per guida con telefonino e 127 le auto che circolavano senza essere state revisionate.
Inoltre 15 persone sono state trovate alla guida di automobili senza assicurazione. Al conto, vanno aggiunte 40 multe a conducenti che hanno lampeggiato ad altri veicoli per segnale la presenza di controlli. Molte attività hanno visto l’ utilizzo di innovazioni tecnologiche. Ad esempio, le auto trovate senza assicurazione o con la revisione scaduta sono state individuate grazie a telecamere fisse e mobili dotate di sistema Ocr, che permette il riconoscimento ottico dei caratteri.

Stesso discorso per le multe sulla velocità, figlie dell’ impiego di autovelox e tele-laser. Su questo fronte c’ è pure un caso curioso, un uomo che il 10 ottobre è stato bloccato mentre viaggiava a 143 km orari su una strada secondaria albinetana, a una velocità doppia rispetto a quella consentita.
Il conto è pesante, con una sanzione di 829 euro, il “taglio” di 10 punti dalla patente, sospesa per un periodo da definire, da un minimo di 16 a un massimo di 36 mesi. A proposito di multe, non è andata benissimo a un uomo fermato il 6 ottobre sempre ad Albinea mentre viaggiava su un veicolo formalmente già inibito all’ utilizzo, perché privo di revisione.
Un controllo più approfondito ha rivelato che l’ autista era recidivo, perché la macchina aveva già altri sei fermi della circolazione pendenti. Alla prima multa da 1.959 euro se n’ è aggiunta una seconda da 792 euro, oltre al sequestro per 90 giorni e la segnalazione del conducente agli enti di riscossione credito dei precedenti provvedimenti.
I dati non sono certo ridotti, e parlano di cattive abitudini alla guida e di poco rispetto dei vincoli amministrativi. «I numeri», dichiara il comandante della municipale Luca Travaglioli, «confermano l’ importanza di non abbassare mai la guardia e rivelano l’ ottima attività degli operatori, visto che i controlli sono stati effettuati attraverso un lavoro di squadra».

Fonte: Gazzetta di Reggio, 19 ottobre 2017

Annunci